Il Mondo della Fotografia Josef Sudek Judy Hardiman: Josef Sudek

Judy Hardiman: Josef Sudek

 

Grandi fotografi – Josef Sudek

 

JUDY HARDIMAN

 

dal sito: www.hardimanimages.com 

 

MAGGIO 26, 2014

 

 

 

 

 

Come fotografa e pittrice autodidatta, passo molto tempo a studiare arte e fotografia. Mi piace imparare e sono in grado di ricercare questi argomenti al mio ritmo e concentrarmi su argomenti che mi interessano veramente. Sono fortunata perché queste due attività creative, Pittura e Fotografia, si completano molto bene.  I principi del design e gli elementi dell’arte possono essere facilmente applicati a entrambe le forme d’arte.

Mentre studiavo grandi fotografi, mi sono imbattuta in una lunga lista di persone interessanti. Ogni fotografo è un po’ diverso dall’altro, ma tutti condividono la stessa passione: l’amore per la fotografia.  Mentre studio questi fotografi, imparo molto su di loro, sulla fotografia e su me stessa.

Come guida, ho cercato su internet e nelle biblioteche articoli, video, libri e immagini relativi a grandi fotografi. C’è una vasta selezione di artisti tra cui scegliere, quindi ho deciso di usare la storia della fotografia come punto di partenza.  Ogni fotografo della mia lista, secondo i critici d’arte e i curatori delle gallerie, ha prodotto un ampio corpus di lavori di qualità durante la sua carriera e si distingue da tutti gli altri.

Detto questo, permettetemi di presentarvi il fotografo, Josef Sudek (Kolin, Boemia 17 marzo 1896 – Praga 15 settembre 1976).  Sudek è meglio conosciuto per le sue fotografie di Praga ed è stato anche indicato come il “Poeta di Praga”.  La sua figura curva che sostiene un grande treppiede di legno era uno spettacolo molto familiare a Praga. C’erano due qualità che caratterizzavano il suo lavoro migliore: l’ampia gamma di valori di luce che usava e il modo in cui rappresentava la luce. Ciò che è così sorprendente di Sudek è che aveva solo un braccio e questo non gli impediva di scattare fotografie incredibili.  Non si stancò mai del suo lavoro e lavorò ininterrottamente fino all’età di 80 anni.

Sudek si interessò alla fotografia mentre studiava come rilegatore di libri ed era diventato un appassionato fotografo dilettante prima di essere arruolato nella prima guerra mondiale nel 1915.  Fu durante questa guerra che Sudek perse il braccio fino alla spalla; aveva 21 anni.  Sudek ha descritto ciò che è accaduto: “Ho perso il braccio durante l’undicesima offensiva.  Ci è stato ordinato di avanzare e mentre caricavamo, la nostra stessa artiglieria ha iniziato a bombardarci. . .  Mi sentivo come se un sasso mi avesse colpito alla spalla destra.  Ho iniziato a guardarmi intorno, ma tutti i ragazzi che erano rimasti in piedi erano ormai morti”.

Il braccio destro di Sudek era mutilato e perse la mano.  La cancrena si mise in moto e alla fine il suo intero braccio dovette essere amputato alla spalla. Trascorse i successivi tre anni in una varietà di ospedali e case per veterani per riprendersi dall’infortunio. Sudek è rimasto con una profonda cicatrice psicologica che ha avuto un enorme impatto su di lui e sul suo lavoro.

Sudek ha trascorso del tempo durante la sua convalescenza fotografando altri pazienti.  Lo fece anche dopo essere stato dimesso dall’ospedale nel 1920.  Questo progetto “The War Veteran’s Hospital and Home” (1922 – 1927) segnò l’inizio del suo ingresso ufficiale nel campo della fotografia.  Non potendo più lavorare nel settore della legatoria, ha dovuto trovare un modo diverso per fare soldi.  Ha ricevuto una pensione di invalidità, ma aveva bisogno di integrare il suo reddito, quindi ha accettato di lavorare su commissione come fotografo.

Gli anni tra il 1920 e il 1926 furono anni inquieti per lui.  Nel 1920, Sudek divenne membro della Società di Praga dei fotografi dilettanti dove incontrò il fotografo Jaromír Funke (1896-1945) che divenne suo buon amico.  Funke e Sudek furono entrambi cacciati dal club fotografico per la loro “opposizione impaziente” ai membri del club che volevano rimanere con l’aspetto pittorico.  Sudek e Funke volevano allontanarsi da quello stile per una visione più moderna, così nel 1924 fondarono la loro società fotografica chiamata “Avant-Garde Czech Photographic Society”.  Qui hanno lavorato con fotografi che la pensano allo stesso modo e si sono concentrati sul negativo.

Dal 1922 al 1924, Sudek studiò fotografia alla Scuola di Arti Grafiche di Praga.  I suoi insegnanti, lo hanno introdotto al fotografo americano più influente del 20° secolo, Edward Weston, e il suo focus morbido sul pittorialismo.  Ma fu il lavoro di Clarence White che lo impressionò di più.  Gli piaceva il modo in cui Clarence usava la luce e l’ombra per evocare uno stato d’animo tridimensionale e Sudek presto rifiutò lo stile “pittorico”.

Poi, nel 1926, Sudek ebbe un evento che cambiò la vita.  Gli amici di Sudek che appartenevano all’Orchestra Filarmonica Ceca lo invitarono a unirsi a loro durante il tour italiano dell’Orchestra.  Sudek disse di sì perché pensava che gli avrebbe dato l’opportunità di vedere la bellezza della regione che gli era mancata durante la guerra.

Tutto sembrava andare bene fino a quando non raggiunsero la zona dell’Italia più vicino al luogo in cui aveva subito il suo infortunio, le cose cambiarono e iniziò ad avere un problema emotivo.  Durante un concerto, improvvisamente si alzò e lasciò il teatro.  Nessuno sapeva dove fosse andato o perché.  I suoi amici hanno chiamato la polizia, ma non si trovava da nessuna parte.  Alla fine si presentò due mesi dopo a Praga.  Non è esattamente chiaro cosa sia successo durante quel periodo.

Sudek ha detto: “A Milano, abbiamo avuto un sacco di applausi e consensi e abbiamo viaggiato lungo lo stivale italiano fino a quando siamo arrivati in quel posto – ho dovuto sparire nel bel mezzo del concerto; nel buio mi sono perso, ma ho dovuto cercare.  Lontano fuori città verso l’alba, nei campi bagnati dalla rugiada del mattino, finalmente trovai il posto. Ma il mio braccio non era lì, solo la povera fattoria contadina era ancora in piedi al suo posto.  

Mi avevano portato dentro quel giorno in cui mi hanno sparato al braccio destro. Non riuscirono mai più a metterlo insieme, e per anni andai da un ospedale all’altro, e dovetti rinunciare al mio mestiere di legatoria.  Gli amici della Filarmonica . . .  Non mi hanno rimproverato, ma da quel momento in poi, non sono più andato da nessuna parte, e non lo farò mai.  Cosa cercherei se non trovassi quello che volevo trovare?”

Da questo momento in poi, la fotografia di Sudek è cambiata.  Sembrava scoprire un nuovo stile e si è affermato come artista. Ha cambiato la sua attenzione e ha iniziato a fotografare la città di Praga.  Ha creato inquietanti paesaggi notturni e panoramiche di Praga.  Fu affascinato dalla sua architettura, dagli edifici storici, dalle piazze pubbliche e dalle chiese.  Ha guardato i dettagli e ha provato a scattare da una varietà di angolazioni diverse.  Sudek ha anche smesso di fotografare persone nelle sue scene.  Sempre meno persone apparivano nelle sue foto. Quando apparivano, erano spesso viste in lontananza rendendole meno evidenti.  Avrebbe persino sistemato maschere o statue in luoghi che normalmente avrebbero mostrato una persona.

Nel 1928, Sudek completò un progetto che gli richiese quattro anni per essere completato.  Era la ricostruzione della Cattedrale di San Vito. Sudek era estremamente paziente e persistente.  Sapeva in quale periodo dell’anno e a che ora del giorno la luce sarebbe entrata in una finestra specifica con l’angolazione esatta che voleva.  Era appassionato di mostrare la luce come avente sostanza e usava tecniche come muovere la polvere per mostrare la luce.  Con l’aiuto di Družstevni Práce, Sudek pubblicò una monografia delle sue fotografie di San Vito.

Dal 1927 al 1936 Sudek lavorò per la casa editrice Družstevni Práce, specializzata in ritratti, pubblicità e documentari e nel 1932, Sudek tenne la sua prima mostra a Praga che comprendeva 64 opere. Questa mostra si è tenuta nella Krásná jizba, la galleria commerciale della cooperativa Družstevni Práce.

Poi, nel 1939, le truppe tedesche marciarono su Praga e Sudek si ritirò nel suo studio e iniziò la sua serie di scatti intitolata “La finestra del mio studio”.  Questo progetto era più personale per Sudek e ha assunto un aspetto più emotivo.  Spesso faceva foto alla finestra attraverso una cortina di rugiada, ghiaccio o gocce di pioggia, creando una barriera distorta tra il mondo interno ed esterno.  Ha fotografato molti meno paesaggi ed è stato coinvolto in nature morte.  Era interessato agli oggetti come oggetti.  Sudek ha detto: “Tutto ciò che ci circonda, vivo o morto, agli occhi di un fotografo pazzo assume misteriosamente molte varianti in modo che un oggetto apparentemente morto prenda vita attraverso la luce o l’ambiente circostante”.  Molti amici di Sudek gli regalarono oggetti e lui li usò nelle sue nature morte.

Un altro segno distintivo nella carriera di Sudek fu quando si imbatté in una stampa a contatto di una statua di Chartres, in Francia. Era impressionato dal dettaglio e dalla gamma di toni che era ciò che cercava.  Da quel momento in poi, Sudek è passato dall’ingrandimento dei negativi all’utilizzo di stampe a contatto.  L’artigianalità era molto importante per Sudek e per questo ha iniziato a trasportare telecamere di visualizzazione grandi come il formato 12 x 16 pollici.  Azionava la sua attrezzatura appoggiandola in grembo con una mano e quando ciò non era abbastanza usava i denti.

Quando la guerra finì, Sudek uscì dal suo studio, ma il suo lavoro era ora più personale. Non ha più lavorato su commissione e si è concentrato su progetti più personali.  Questo fu anche il periodo in cui assunse un’assistente, Sonja Bullaty, una giovane ebrea ceca sopravvissuta ai campi di concentramento nazisti.  E’ stata la Bullaty a portare il lavoro di Sudek fuori dalla cortina di ferro e a conservare oltre 300 selezioni delle sue stampe, e Sudek continuò a inviarle le sue stampe dopo che era emigrata in America.

Il lavoro di Sudek è apparso per la prima volta in America nel 1974 presso l’International Museum of Photography, George Eastman House, Rochester e la mostra era intitolata Josef Sudek: A Retrospective Exhibition.  Nello stesso anno, una seconda mostra di sue fotografie si tenne alla Light Gallery di New York. Sudek non era presente a nessuna di queste mostre.

Sudek era piuttosto timido e non gli piaceva essere al centro dell’attenzione.  Non partecipò mai a nessuna delle sue mostre di apertura, tranne una nella città di Roudnice. Voleva vedere come erano appese le foto e l’unico giorno in cui sarebbe andato era il giorno dell’apertura. Una volta controllato l’allestimento e data la sua approvazione, si ritirò al secondo piano dove guardò la folla dall’alto.  A parte la curatrice e Anna Fárová che stava tenendo il discorso di apertura, nessuno sapeva che Sudek era lì.

Sudek ha ricevuto diversi premi durante gli anni ’50 e ’60, uno dei quali è il premio Artist of Merit dal governo ceco come primo fotografo in assoluto e nel 1966 è stato insignito dell’Ordine del Lavoro dal governo ceco.

Sebbene Sudek fosse timido e un po’ solitario, aveva una cerchia diversificata di amici.  Uno di questi è il Dr. Peter Helbich. Si incontrarono nei boschi della Moravia e strinsero amicizia.  Sudek ha iniziato a insegnargli fotografia.  Helbich disse della malinconia di Sudek: “È la ragione della malinconia nelle sue fotografie. . .  A volte penso che se non avesse perso il braccio, non sarebbe diventato il grande artista che è”.

Lo stesso Sudek una volta disse sul rapporto tra l’artista e l’ambiente: “l’ambiente ha un impatto sulla persona; anche se lo maledici, ti influenzerà.  Non puoi distaccarti da esso.”

Al momento della sua morte nel 1976, la produzione di Sudek in Cecoslovacchia ammontava a 16 libri e monografie.  Il suo libro intitolato Prague Panoramas contiene 284 foto panoramiche della città e della campagna circostante. Il suo patrimonio, comprendente 21.660 stampe, 54.519 negativi e 618 altre opere d’arte (quadri, disegni, sculture e stampe), è stato catalogato da Anna Fárová dal 1976 al 1985, e poi, come sua esecutrice testamentaria, lo ha gradualmente distribuito secondo i suoi desideri a diverse istituzioni.  Anna Fárová fu assistente di Sudek e storica dell’arte.

 

Per un elenco di libri riguardanti il lavoro di Sudek vedi:

www.artbook.com/catalog–fotografia–monografie–sudek–josef.html

 


Related Post

“Marge”“Marge”

Il 17 marzo 1971 nello studio di Sonja e Angelo viene presentata una scelta di foto di Sudek. Dopo un anno, il 17 marzo 1972, viene inaugurata la prima mostra

error: Content is protected !!