Nativi al Museo Novecento

Museo Novecento

presenta

 

#NATIVI100

 

Presentazione del catalogo della mostra
a cura di Giovanna Uzzani

Mercoledì 2 febbraio

ore 17:00

Museo Novecento Firenze

Piazza di Santa Maria Novella, 10

 

 

In occasione della mostra #NATIVI100, in corso a Pistoia, Palazzo Fabroni – Museo del Novecento e del Contemporaneo, realizzata dal Comune di Pistoia/Musei Civici, in collaborazione con Fondazione Giovanni Michelucci, Tempo Reale, Associazione Eletto Arte e aperta fino al 5 giugno 2022, il Museo Novecento propone un incontro di presentazione del catalogo dell’esposizione dedicata al centenario della nascita del celebre maestro dell’astrattismo italiano del secondo Novecento, Gualtiero Nativi (Pistoia, 1921 – Greve in Chianti, 1999).

Il ricco e documentato volume, a cura di Giovanna Uzzani, edizione Gli Ori, si configura come un’ampia e aggiornata monografia dedicata all’artista e ripercorre grazie a un ricco saggio di Giovanna Uzzani, le varie tappe del percorso artistico di Gualtiero Nativi. Pistoiese di nascita ma fiorentino d’adozione, Nativi dal 1946 si dedica alla pittura e nel 1947 giunge all’astrattismo. Risale al 1948 l’incontro con Giovanni Michelucci, che l’artista riconosce quale «unico maestro». Nasce frattanto l’Astrattismo classico di cui Nativi è uno dei cinque firmatari del manifesto e le cui vicende si chiudono nello stesso 1950 del loro pronunciamento.

All’interno del catalogo, un saggio di Alessandro Masetti indaga il confronto stimolante creatosi con la ricerca di Giovanni Michelucci nell’esperienza progettuale del fiorentino Caffè Donnini. Grazie alla collaborazione con la Fondazione Giovanni Michelucci di Fiesole, viene qui approfondito il rapporto intenso del pittore con l’architetto pistoiese, maestro carismatico e amico, al quale Nativi deve la capacità di interpretare modernamente la decorazione pittorica nello spazio pubblico in ambienti fiorentini, purtroppo oggi perduti, quali la Saletta del Caffè Donnini (1949); mentre il clima di ricerca della seconda metà del Novecento è evocato attraverso l’allestimento di due installazioni sonore, a cura di Tempo Reale, realizzate nell’ambito del progetto regionale Toscanaincontemporanea2021: la prima diffonde la voce di Nativi intorno all’Autoritratto giovanile, in prestito dalle Gallerie degli Uffizi; la seconda, con musiche di Vittorio Gelmetti composte nel 1960, rimanda all’interesse di Nativi per l’indagine sonora. Sempre all’interno dell’esposizione pistoiese e documentato nel catalogo, è presente l’inedito fregio in pittura di smalti su metallo, scelto come immagine della mostra, che l’artista realizzò fra il 1957 e il 1958 per il bancone del bar del Centro Tecnico Federale FIGC di Coverciano.

 

 

Gualtiero Nativi, Saletta Donnini

 

La ricerca solitaria di Nativi approda nel corso degli anni a uno spazio pittorico inteso come teatro di forme dinamiche che si compenetrano e scontrano: emerge così la necessità di sinergie tra artisti e architetti, e trova impulso l’interesse di Nativi per la decorazione pittorica degli spazi pubblici, di cui rimangono ormai rare tracce a Firenze. Negli anni sessanta l’artista aderisce al gruppo di Quadrante e, dopo una breve stagione informale, torna a strutture geometriche complesse. Da allora, con crescente potenza immaginativa ed equilibrio di rapporti tonali, Nativi giunge a una limpida ‘classicità’. Esiti che appaiono nell’antologica pistoiese del 1982, a cura di Enrico Crispolti, cui segue la ricca donazione di opere alla città natale.

L’incontro verrà introdotto da Sergio Risaliti, Direttore Artistico del Museo Novecento Firenze, con interventi di: Eva Francioli, Coordinatrice scientifica Museo Novecento Firenze; Giovanna Uzzani, Storica dell’arte e curatrice della mostra #NATIVI100; Alessandro Masetti, co-autore del catalogo (Fondazione Giovanni Michelucci di Fiesole); Agnese Banti, co-autrice con Francesco Giomi delle installazioni sonore (Tempo Reale).

Ingresso libero fino a esaurimento posti. Si ricorda l’obbligo del Green Pass rafforzato con la presentazione di un documento di identità e l’uso della mascherina ffp2 per la partecipazione all’evento.

 

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE

Costanza Savelloni
Museo Novecento Firenze
T: +39 055 291014 | pressmuseonovecento@musefirenze.it

INFORMAZIONI
Museo Novecento
Tel. +39 055 286132 / info@musefirenze.it    
Piazza di Santa Maria Novella, 10 – Firenze
www.museonovecento.it

 

Gli ingressi sono contingentati e si possono prenotare online contestualmente all’acquisto dei biglietti sul sito bigliettimusei.comune.fi.it, scrivendo a info@musefirenze.it, oppure telefonando allo 0552768224.

 


 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Post

Ringrazio Eleonora Gargiulo, della Biblioteca “Renato Fucini” di Empoli, per avermi aiutato a reperire questo articolo, che Alessandro Parronchi scrisse su La Nazione di Firenze, in occasione dell’arrivo della Pietà

error: Content is protected !!